Ta-Pum!

AutoreFabien Riffaud, Juan Rodriguez
IllustratoreTignous
EditoreBoardM Factory, CMON Limited, Ludonova, Oliphante, REBEL.pl, Sweet Games
Anno di pubblicazione2015
Numero di giocatori2 - 5
Durata30
A partire da10 and up
Dipendenza dalla LinguaSome necessary text - easily memorized or small crib sheet
(17 voters)

Infos courtesy of boardgamegeek.com. More Infos.

E’ iniziata la grande guerra. Siete un gruppo di soldati, catapultati in uno scenario del tutto inatteso, impegnati a sopravvivere alle diverse missioni che vi attendono nella speranza che torni presto la pace. I vostri nemici sono la pioggia, la neve, la notte. La vostra forza è l’essere uniti, collaborare ed aiutarsi l’un l’altro.

Ta-Pum! è un gioco collaborativo, edito da Oliphante, che ha come scenario la Grande Guerra ma che non parla di assalti, fucili e trincee. I giocatori devono cercare di portare a termine le missioni liberandosi del maggior numero di carte che hanno in mano. Vinceranno la partita se il mazzo tribolazioni finisce e nessuno di loro ha più carte in mano; perderanno se uno di loro subisce troppe ferite o se il morale si abbassa troppo. Alla fine di ogni missione avranno la possibilità di aiutare uno dei propri compagni.

La meccanica è molto semplice: ogni giocatore, ad inizio missione, pesca un certo numero di carte dal mazzo tribolazioni, tante quante decide il comandate di missione. A turno i giocatori possono decidere se giocare una carta dalla loro mano o se abbandonare la missione. Ogni carta riporta uno o più simboli pericolo: notte, pioggia, neve, bomba, maschera anti-gas e fischietto. Esistono carte ferita che i giocatori devono giocare davanti a loro e che danno svantaggi più o meno permanenti. Se in un qualsiasi momento ci sono 3 o più pericoli uguali sul tavolo la missione finisce con un fallimento (tutte le carte tornano nel mazzo tribolazioni). Se tutti i giocatori si ritirano la missione termina con un successo e le carte vengono scartate. Al mazzo tribolazioni vanno poi aggiunte tante carte quante sono quelle rimaste in mano ai giocatori. Dal punto di vista ludico il tutto si risolve nel cercare e trovare il giusto equilibrio tra il giocare carte e il sapersi ritirare al momento opportuno. Esistono poi elementi, quali i portafortuna e i discorsi, che possono aiutare i giocatori ed altri, come le trappole, che li possono mettere in difficoltà.
Quando uno abbandona la missione deve anche decidere, segretamente, a quale compagno dare il supporto. Se a fine missione un soldato ha la maggioranza dei supporti potrà recuperare il suo portafortuna o scartare due carte ferita.

Ta-Pum! Gira bene, è veloce e divertente. Rapido ma comunque non banale ha una meccanica di gioco che spinge davvero alla collaborazione e al dialogo. Chiaramente non è un gioco di ampio respiro ma nella categoria in cui si inserisce (giochi leggeri e di breve durata) mi ha colpito in positivo. Interessante anche il tentativo, secondo me riuscito alla grande, di affrontare un tema bellico non con approccio da giocatore di wargame. Belle anche le illustrazioni, fatte da Tignous, purtroppo sfortunatamente scomparso negli attentati a Charlie Hebdo.