Blog: di giochi e di vita

liga2

Un anno di giochi e gioco

Ciao a tutti eccoci alla fine del 2012 che, a quanto pare, non è stato l’ultimo anno del pianeta Terra. Mi concedo quindi il lusso di un piccolo resoconto ludico delle mie fatiche del 2012 con qualche slancio verso il 2013.

La mia collezione di giochi è aumentata in maniera considerevole grazie ad acquisti oculati di vecchi titoli, omaggi di editori e la compulsiva caccia a tutto quello che è nuovo e pare interessante. Sono sicuro che la lista non è aggiornata ma tra giochi ed espansioni, a quanto dice il mio profilo BGG, ho superato nel 2012 la soglia dei 1500.

Ho giocato con costanza in associazione ed in famiglia, con Serena ed i bambini. Francesco si è finalmente lanciato con vigore nel mondo del gioco da tavolo e con lui ho iniziato una sfortunata (per me) tradizione di partite a Memoir’44, Dust Tactics ed HEROICA. Caterina mi ha accompagnato tutto l’anno accogliendo con entusiasmo le mie proposte ludiche (tranne quelle a tema fantascientifico) e mi ha accompagnato anche quest’anno alla fiera del gioco di Essen. Potete leggere le nostre peripezie su Opinionatedgamers.com.

Negli ultimi scampoli del 2012 ho anche ripreso a giocare ai giochi di ruolo.
Continua

detoffoli

Non è il Poker: si combatta il vero gioco d’azzardo

Ciao a tutti. Quando dopo anni di militanza come giocatore, dimostratore, organizzatore di eventi amatoriali, genitore, ho iniziato a percorrere la strada del Ludologo, ovvero cercare di fare della mia passione una professione, ho scoperto che altri, con diverse declinazioni, avevano in anni passati compiuto una scelta simile. Mi sono reso conto che a una persona, più che ad altre, ho spesso guardato con l’occhio curioso ed ammirato che il novizio riserva per il maestro. Giocatore come me, autore di giochi, scrittore, uomo di grande cultura ludica, Dario de Toffoli è a mio parere una delle persone più colte ed interessanti del nostro settore.

Pur non condividendo con lui l’interesse e la passione per il Poker, ho sempre letto con ammirazione i suoi libri sull’argomento e seguo, con puntualità, la sua rubrica/blog di giochi su Il Fatto Quotidiano.

Cosa inusuale per me, e per questo mio blog, voglio dedicare questo puntata di “Di giochi e di vita” ad una riflessione sul Poker, riportando l’incipit del suo articolo e il link per proseguire la lettura. Mi piace sopratutto il suo richiamo ad affrontare l’argomento del gioco d’azzardo in maniera non superficiale, al di là del fatto che questo gioco possa piacere o meno, cosa che ribadisce anche nell’introduzione al suo ultimo libro, Superpoker, edito da Sperling & Kupfer.

A me non piace il poker, non lo gioco e non credo che lo giocherò in futuro, però credo sia utile ed interessante leggere cosa Dario dice in proposito, come era ed è giusto indignarsi contro chi si scaglia contro i giochi di ruolo o in generale chi, con superficialità, cerca di risolvere problemi anche gravi con delle inappropriate cacce alle streghe ….

A voi i commenti …
Continua

Ludologo Articoli

Terremoto …

Non so se in questi giorni avrò modo e voglia di scrivere tanto di giochi … purtroppo quel che sta succedendo nella mia Modena, nella bassa (dove è nata è cresciuta mia moglie e dove ancora vivono mio suocero e la nonna Agnese) è davvero impressionante. La terra non sta ferma e la cosa che più mette angoscia, oltre alle immagini delle vite, delle case, delle fabbriche distrutte è il non sapere cosa ti attende, cosa ci attende.

Non c’è un qualcosa di brutto da superare, da lasciarsi dietro per ricostruire: non possiamo dire “è stata dura ma ce l’abbiamo fatta”. C’è qualcosa che ancora è lì, fuori, grande, troppo grande, che si muove e sconquassa tutto. La gente ha paura perché nessuno sa dire di preciso se ci sarà un’altra scossa e dove, quando, quanto grande. E Modena nel complesso è stata colpita marginalmente. Penso a mio suocero, e ai tanti anziani come lui, che nonostante tutto non vogliono lasciare il loro paese, le loro case. Penso alle persone in ospedale, ai bambini piccoli.
Continua

Ludologo Articoli

Nomination per lo Spiele des Jahres

Doverosa puntata “di giochi e di vita” dedicata alle nomination dello Spiele des Jahres che, come tutti gli anni, catalizzeranno l’attenzione del mondo ludico per qualche tempo con discussioni, commenti, precisazioni, critiche. Ovvio che la decisione di una qualsiasi giuria trova sempre detrattori e persone pronte a cedere alla logica del pensar male: personalmente, pur non d’accordo con molte delle scelte fatte, ritengo il premio interessante e sempre significativo.

Hanno annunciato proprio stamattina ne nomination per lo Spiele des Jahres, il premio dedicato ai giochi da tavolo più importante a livello mondiale. Le regole per la candidatura a questo premio prevedono che il gioco abbia una edizione tedesca: capita quindi (come nel caso di Qwirkle l’anno scorso) che ci siano titoli nominati già in circolazione da anni.
Continua

Ludologo Articoli

Un solo gioco o tanti giochi ?

Buon inizio settimana a tutti.

Oggi vorrei soffermarmi a ragionare se è meglio concentrarsi su pochi giochi ed impararli a conoscere a fondo o se balzare da gioco a gioco in una affannosa ricerca del quello perfetto.

Chiaramente direi cosa è meglio non ha senso, visto che non esiste qualcosa di oggettivo ed anche parlare di gioco perfetto è ridicolo, visto che i gusti sono diversi. Ci sono gruppi di amici che da anni giocano sempre e solo allo stesso gioco, ad esempio Risiko, con serate che ormai sono diventate un rituale consolidato: personalmente non amo particolarmente il gioco ma capisco che ritrovarsi sempre gli stessi e allo stesso tavolo può avere il suo fascino.
Continua

Ludologo Articoli

di giochi e di vita …

Come ormai prassi consolidata anticipo l’argomento della mia riflessione del lunedì mattina: un solo gioco o tanti giochi ?

Ovvero, mi piacerebbe ragionare e discutere sul tema di quanti giochi in effetti un normale gruppo di amici, una famiglia, un gruppo di giocatori occasionali è in grado di giocare in un anno ed apprezzare. I giocatori (ed acquirenti) compulsivi come me, ovviamente, macinano giochi a ritmi insostenibili ma spesso i gruppi di amici e/o giocatori occasionali preferiscono concentrarsi su pochi titoli che imparano a conoscere bene.
Continua

Ludologo Articoli

Come scegliere un gioco … ovvero sulle recensioni di giochi

[Articolo adatto a tutti: a leggerlo ci si impiega circo 8 minuti]

Più di quindici giorni fa abbiamo fatto un breve tuffo nel variegato mondo dell’informazione ludica, raccogliendo sotto questa parola dal significato non sempre ben definito un po’ tutto quello che parla di giochi: siti, blog, riviste, pubblicazioni, newsgroups, forum sia italiani che internazionali. Nel mio breve articolo, come spesso accade, ci sono state dimenticanze ed imprecisioni: per fortuna la discussione che è seguita ha portato alla luce molti di questi vuoti. Una lettura senz’altro interessante al riguardo è l’articolo a pagina 39 del Numero 1 di ILSA Magazine in cui Tinuz e Fabio ripercorrono la storia dell’informazione ludica (almeno fino ad allora, ovvero un ormai lontano 2007).

In un ideale seguito dell’articolo precedente vorrei oggi fermarmi a riflettere sul problema di come scegliere un gioco prendendolo come spunto per parlare delle recensioni dei giochi da tavolo, un tema sempre molto caldo e dibattuto nel mondo degli appassionati: attendibilità, stile, collusioni, diatribe e ripicche purtroppo ci sono anche nel bel mondo dei giochi da tavolo .

Sto infilando la mano in un vespaio ? Credo proprio di si. Come sempre in questo mio blog esprimo il mio personale giudizio e punto di vista sulla questione, basandomi su quelle che sono le mie esperienze e il mio modo di vedere. Mi ritengo (a torto o a ragione) un esperto del settore ludico con tanti anni di giochi e di recensioni alle spalle e per questo ho maturato la convinzione che anche in questo campo non esiste un’unica verità o, in generale, una verità: ci sono oppinioni, pareri, più o meno importanti e rilevanti e punti di vista.
Continua

Ludologo Articoli

di giochi e di vita …

Ciao a tutti, ho deciso di spostare la mia rubrica “di giochi e di vita“, al lunedì, visto che spesso i temi trattati fanno nascere interessanti discussioni che credo si possano sviluppare meglio durante la settimana piuttosto che nel week end.

Conscio di mettere le mie ludiche manine in un vero vespaio, lunedì andrò ad affrontare un tema piuttosto caldo, spesso fonte di discussione nei forum dei giocatori: “Come scegliere un gioco … ovvero sulle recensioni dei giochi“.
Continua

Ludologo Articoli

La storia dell’informazione ludica: fa bene la pluralità ?

Ciao a tutti, in questi giorni stanno prendendo il via diversi ed interessanti progetti di informazione ludica ed è quindi lecito interrogarsi se questo proliferare di siti, blog, enzine sia davvero utile al settore … nella mia “infanzia ludica” c’erano solo riviste: Pergioco in primis poi Agonistika, Crom, Kaos … c’era solo quello e ce lo facevamo bastare. Alcuni guardavano all’estero: Vae Victis (1995), Sumo, Spielbox (1981) [Curiosità: stesso anno di nascita del Club TreEmme] …

Oggi chi vuole informazioni sui giochi ha solo da guardarsi intorno: ovvio che avere tante fonti, anche nel campo ludico, può generare confusione ma credo che il valore di una informazione diffusa e particolareggiata sia da perseguire e sostenere. Provo quindi a ripercorre in breve la storia dell’informazione ludica e alla fine a fornire un elenco di quelle che ora sono le risorse ludiche più utilizzate/seguite … ovviamente è la MIA versione della storia e dei fatti e sicuramente ci sono imprecisioni e dimenticanze … non vogliatemene troppo ….
Continua

Ludologo Articoli

Post PLAY …

Sono emerso dall’organizzazione di PLAY. Far parte della commissione PLAY che ogni anno il Club TreEmme nomina è da un lato una grande soddisfazione ma anche una grande fatica.

Credo che PLAY sia stato un grandissimo successo, segno che in Italia c’è voglia ed interesse per un evento che sia di gioco e gioco soltanto, in cui i giocatori si sentano a casa e abbiano gli spazi e le strutture adeguate per incontrarsi, giocare assieme, provare nuovi giochi. Un evento in cui chi non è ancora appassionato può scoprire il mondo di giochi e di opportunità che sono dietro l’angolo.
Continua

Ludologo Articoli

Buon inzio 2012

Auguro a tutti un felice 2012 pieno di giochi ed allegria!

Se giocassi ogni giorno uno dei giochi della mia ludoteca, potrei giocare per tre anni sempre a giochi diversi … senza contare quelli che arriveranno … un pensiero davvero felice!

Buon gioco a tutti
il Ludologo Continua

Ludologo Articoli

L’importanza delle scelte

Secondo voi è davvero grande il passo dal gioco dell’oca alle slot machine ? Secondo me è minimo: non scelgo, ma guardo gli effetti della mia fortuna, sia nell’uno e nell altro: in entrambi sono spettatore passivo e l’esito della mia partita è solo determinato dal caso. Nel primo caso la mia “dea bendata” è un dado, nel secondo una leva [...]

E allora, in maniera provocatoria, chiedo di abolire il gioco dell’oca e i suoi surrogati da tutte le scuole se non nella primissima infanzia. Rivendichiamo il diritto dei bambini (e degli adulti) ad un gioco intelligente in cui si possono compiere delle scelte consapevoli!

[Potete gustarvi questo articolo in meno di 5 minuti ... ma digerire bene i suoi contenuti richiederà senz'altro più tempo] Continua

Ludologo Articoli

Ma cosa sono questi giochi di ruolo ?

Il termine “giochi di ruolo” è molto bello, da dire e da sentire: ci si riempie la bocca, è anche un pò “trandy”, alla moda. Anche giornalisti e media lo usano di frequente e spesso a sproposito per classificare tutti quei giochi “strani” che si discostano dalle rassicuranti strade di Monopoli, ben oltre i confini della Kamchachtka. Se un gioco non l’ho mai visto e mi sembra un po’ strano sarà senz’altro un gioco di ruolo!

Credo allora valga la pena provare a spiegare, con parole semplici, cosa sono i giochi da tavolo e cosa sono i giochi di ruolo.

[Questo articolo è adatto a tutti e può essere letto in circa 5 minuti] Continua

Ludologo Articoli

Ma quanto costano questi giochi da tavolo!

Spesso i prezzi dei giochi da tavolo d’autore vanno dai 25 ai 50 euro ed a volte può sembrare un ostacolo ed è lecito chiedersi: ne vale la pena ? Sempre poi che riusciate a trovarli i giochi d’autore perché non tutte le città hanno negozi specializzati. [...] Perché, mi chiedo io, allora tante reticenze nell’acquistare un gioco che può offrire, mal che vada, decine di ore di svago ?
Il mio consiglio è: appena ne avete la possibilità andate e portate i vostri bimbi al cinema, a teatro e ai concerti e comprate anche dei bei libri e dei bei giochi: per loro e per voi! Investite sulla vostra cultura e su quella dei vostri bambini.
Continua

Ludologo Articoli

Svoltando a sinistra dopo Parco della Vittoria

Quante volte vi siete incamminati lungo Vicolo Corto e Vicolo Stretto, sfrecciando poi davanti ai blu per svoltare a destra lungo Via Accademia e ancora a destra dopo il posteggio gratuito dritti fino a Piazza Giulio Cesare per poi passare davanti alla prigione ed imboccar la lussuosa via che porta fino al Parco della Vittoria e poi ancora a destra … e Via … e così, sempre le stesse strade, sempre lo stesso gioco da quando siete nati. Il gioco che giocava vostro papà e forse anche vostro nonno… che noia! Non voglio più pescare imprevisti e probabilità! Non voglio dover distruggere le armate rosse o decidere quale è il terzo continente da conquistare dopo l’Europa e l’Oceania. Non mi interessa sapere se Mr. Purple ha usato il candelabro nella cucina sapendo che tanto alla fine vince sempre chi ottiene i tiri di dado migliori. Non sono bravo a disegnare, non voglio rispondere a quiz da trasmissione televisiva e voglio poter parlare usando tutte le parole del vocabolario. Non esistono altri giochi da tavolo ? Mi tocca per forza comprare una consolle per fare qualcosa di nuovo ? Continua