Blog

logo

Il Gioco dell’Anno

E’ di questi giorni l’annuncio della lista dei giochi candidati al premio Gioco dell’Anno 2017, il più importante riconoscimento Italiano dedicato al mondo del gioco da tavolo. E’ bello che ci sia, in Italia, un riconoscimento del genere: sono convinto possa essere una delle (tante) leve per far crescere il mercato del gioco da tavolo. Siamo però una nazione di grandi esperti e ci sono sempre polemiche e malumori attorno a questo premio, tanto da parte dei giocatori, poco propensi ad accettare un verdetto che non li veda protagonisti, quanto degli editori, a volte poco abituati a vedere il proprio lavoro giudicato da altri o ad accettare che il lavoro di altri possa essere giudicato migliore. E’ un peccato perché se ci fosse una maggiore convergenza su questo premio ne verrebbe senz’altro aumentata la visibilità e la credibilità, con un beneficio per tutti. Noto infatti, con rammarico, che diversi editori, pur avendo secondo me a catalogo titoli degni di interesse ed attenzione, non hanno presentato nessun candidato: a mio parere un’occasione persa.

Guardando indietro vedo tra i vincitori (Agustus, Piccolo Principe e Colt Express) titoli molto interessanti e anche la lista dei nominati fornisce suggestioni valide ad una famiglia che voglia avvicinarsi al mondo del gioco da tavolo.

Le basi su cui si basa questo premio sono quelle giuste e anche i criteri per giudicare i titoli vanno nella direzione giusta. Riporto qua di seguito scopo e criteri, presi dal regolamento ufficiale del premio.

“Scopo del concorso “Gioco dell’Anno” è promuovere e valorizzare il gioco come bene culturale nelle famiglie e nella società tramite la scelta di un “Gioco dell’Anno” Continua

The Manhattan Project

I giochi come strumento educativo: l’esperienza al Deledda di Modena

Per il secondo anno sono stato invitato a tenere delle lezioni presso l’Istituto professionale statale socio-commerciale-artigianale Cattaneo-Deledda. Lo scopo di questo percorso formativo è quello di far vedere alle ragazze (e ai ragazzi) dell’indirizzo socio-sanitario che esiste lo strumento “gioco da tavolo” e che potenzialità può avere nella loro vita professionale.

Nel seguito di questo articolo scenderò nei dettagli del corso e mi lancerò in considerazioni sull’utilità del gioco come strumento per educatori, maestri ed insegnanti. Buona lettura agli interessati …
Continua

Tales

Tales of the Arabian Night: ultime ore

Per chi non lo conoscesse, Tales of The Arabian Night è un gioco che ha fatto storia, o almeno lo ha fatta per chi, come me, è cresciuto ludicamente al Club TreEmme. E’ un gioco davvero molto particolare, che mischia meccaniche tipiche dei giochi da tavolo ed aspetti narrativi più vicini al gioco di ruolo o, ancor meglio, di un libro gioco.

La particolarità di questo gioco è che la maggior parte delle vicende (storie) che accadono ai giocatori vengono risolte leggendo il Libro del Racconti e procedendo al paragrafo opportuno a seconda della situazione, delle proprie scelte o delle caratteristiche del personaggio. Quello che rende davvero particolare e divertente questo gioco è però come le storie sono costruite: il Libro dei Racconti è davvero un libro dei racconti e ancora oggi si ricordano gli eventi più memorabili di una partita.

Importantissimo dunque, per la versione Italiana, il ruolo del traduttore che deve saper trasportare la giusta atmosfera, i giochi di parole, le citazioni. Da questo punto di vista non posso che essere contento della scelta di Fiorenzo delle Rupi, uno dei nostri migliori traduttori di giochi.

Manca davvero poco alla fine della campagna di crowfunding, su cui davvero pochi scommettevano (vista la quantità di materiale da tradurre che alzava i costi). Il gioco avrà anche le miniature in metallo dei 6 personaggi.

Continua a leggere se vuoi saperne di più della meccanica …
Continua

BloodBowl_WC2015-045

Italia Campione del Mondo di BloodBowl

Ieri l’Italia ha vinto il Campionato Mondiale di BloodBowl che si è svolto a Lucca.

Oltre 900 giocatori, provenienti da tutto il mondo, si sono ritrovati per giocare assieme tre giorni si seguito. Una manifestazione che ha saputo far convivere un altissimo livello di competizione ed un forte senso di cameratismo: l’avversario è sempre, in primo luogo, una persona che condivide il tuo hobby, la tua passione.

Il BloodBowl è un gioco molto particolare perché, di fatto, viene tenuto in vita e supportato dalla grande comunità di appassionati che lo praticano in tutto il mondo. E’ un gioco a cui sono particolarmente affezionato perché lo conosco fin dalla sua prima edizione (del 1986): ho avuto il piacere di organizzare i primi campionati a Modena, presso la sede del TreEmme, per poi vederlo decollare.
Continua

foto2

Colt Express è il Gioco dell’anno 2015

Sabato 12 settembre 2015 nella sede di Lucca Comics and Games la giuria del Gioco dell’Anno, presieduta da Roberto Genovesi e composta da Beatrice Parisi (vicepresidente), Fabrizio Paoli (coordinatore), Luca Bonora, Riccardo Busetto, Massimiliano Calimera, Fabio Cambiaghi, Paolo Cupola e Caterina Ligabue ha selezionato come Gioco dell’Anno 2015 Colt Express, ideato da Christophe Raimbault, prodotto da Ludonaute e edito in Italia da Asterion Press.

E’ una sopresa ? E’ una vittoria meritata ? So per esperienza che è molto difficile fare parte di una giuria: decidere, valutare, scegliere quando poi in concorso ci sono diversi titoli meritevoli. So che non deve essere stato facile per i giudici (Caterina in primis) arrivare ad una decisione finale, omogenea. Quello di cui sono sicuro è che questo premio sta davvero andando nella direzione giusta: i titoli approdati alla nomination sono tutti giochi validi, divertenti, che possono fungere con efficienza da “portali” di ingresso nel mondo del gioco da tavolo, anche per persone che i giochi non li conosco.

Ma vediamo cosa ha detto la giuria del gioco vincitore:
Continua

DSP2015

Marco Polo vince il DSP 2015

Grande soddisfazione per i due autori Italiani, Daniele Tascini e Simone Luciani che dopo aver ottenuto la nomination per l’IGA (che verrà assegnato tra poco) vincono meritamente con il loro Marco Polo, pubblicato da Hans Im Gluck, il DSP 2015. Già annunciata la versione italiana da parte di Giochi Uniti.

Per la prima volta autori Italiani ottengono il prestigioso riconoscimento con un gioco dal sapore tutto tedesco e vanno a scrivere il loro nome accanto a quello di veri “mostri sacri” del mondo del gioco da tavolo quali Seyfarth, Bauza, Rosemberg, Knizia, Dorn, Attia, Teuber e Kramer.

Un premio, il DSP, che già un paio di volte era stato sfiorato da autori Italiani: Paolo Mori con Vasco fa Gama e li stessi Tascini e Luciani con Tzolk’in, ma che sempre ci era sfuggito. Un premio, questo, che negli anni è passato da “roba per tedeschi” ad un vero e proprio riconoscimento internazionale alla cui assegnazione partecipano migliaia di giocatori da tutto il mondo e che sempre di più prende i connotati di premio da giocatori esperti … ma andiamo a vedere i dettagli:
Continua

Buon Anno Scuola 2015

Il gioco di ruolo come strumento didattico

Ed ecco la proposta formativa per l’anno scolastico 2015/2016. Ovviamente continua anche l’attività con il gioco da tavolo (sia come formazione che come interventi nelle classi) ma per il buon anno scuola 2015 abbiamo pensato che fossero maturi i tempi per tornare a (ri)parlare di gioco di ruolo dopo le pionieristiche esperienze degli anni ’90.

Obiettivo di questo incontro è quello di proporre una metodologia di lavoro basta sul gioco di ruolo.
Come impostare una attività sporadica o ricorrente sul gioco di ruolo e quali contenuti si possono veicolare.
I vantaggi e gli svantaggi di questa modalità operativa.
L’incontro prevede una parte teorica e una laboratoriale.
Nella parte teorica verrà spiegato il gioco di ruolo nelle sue diverse forme ed accezioni e come può essere utilizzato nella didattica.
Nella parte pratica verrà simulata una tipica lezione utilizzando il gioco di ruolo e verranno forniti spunti su come progettare/condurre interventi ludici nelle classe: quali giochi utilizzare, come proporli, come organizzare il pre-gioco e il post-gioco.

►giovedì 17 settembre 2015 dalle 15 alle 18

Relatori: Andrea Ligabue, ludologo
Matteo Bisanti, biologo e comunicatore della scienza Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena – 27 03 2015

Torna TreEmme FunDays, la giornata di gioco presso la sede del Club TreEmme in via Paltrinieri 80. Domenica, a partire dalle 14.30, appuntamento per tutte le famiglie con bambini tra i 6 e i 14 anni per un’immersione gratuita nel mondo del gioco da tavolo. Come sempre a disposizione la grande ludoteca del TreEmme e personale esperto per guidarvi nel mondo del gioco da tavolo. Per i più grandi l’appuntamento invece è questa sera alle 21. Sono le prove generali di quanto si potrà fare allo spazio TreEmme di PLAY: Festival del Gioco a Modenafiere l’11-12 Aprile. Il programma completo di PLAY, con oltre 300 eventi di gioco, su www.play-modena.it o www.facebook.com/playmodena mentre www.treemme.org e www.facebook.com/clubtreemme per tutte le attivitrà del Club TreEmme.
Continua

Jamaica

Jamaica raccontato per Q Code Magazine

E dopo l’articolo di esordio su Pandemia continua la mia collaborazione con Q Code Magazine, una rivista che parla di cultura ed attualità e ha compiuto la scelta coraggiosa di considerare il gioco ed i giochi parte della cultura. E’ una rivista che racconta delle storie e allora anche io mi sono divertito a raccontare la storia dell’improbabile gara di pirati attorno all’isola di Jamaica: una scusa per parlare di uno dei più bei giochi per famiglie degli ultimi anni e anche, perché no, di soffermarsi a riflettere sulla pirateria che non è ancora di attualità. Spero vi divertiate a leggere questo racconto come io mi sono divertito a scriverlo … buon gioco …

Per mille balene, quel farabutto ha proprio una faccia tosta! Non gli è bastato farsi nominare governatore della Giamaica; ora vuole anche organizzare una gara tra vecchi compagni di scorribande! Samuel “Black Sam” Bellamy, famoso filibustiere, non credeva ai suoi occhi, rigirandosi tra le mani l’invito del suo “collega” Henry Morgan mentre la birra colava dal suo colossale boccale.
Continua

DarkTales2

Giocato per Voi: Dark Tales

Inizio con piacere una nuova piccola rubrica su Fattore Famiglia, in cui faccio brevi recensioni di giochi che ho provato con un sintetico giudizio finale. In particolare cerco di dire se il gioco è inadatto/adatto/consigliato per bambini, famiglia e adulti.

Spero possa essere utile/interessante
Continua

FattoreFamiglia-header

Il Gioco dell’anno 2014

Quando ho iniziato questa rubrica mi sono concesso il lusso ed il piacere di farvi da guida nel mondo del gioco da tavolo scegliendo di volta in volta quali titoli presentarvi. Una cosa che sono abituato a fare con bambini, genitori, insegnanti ed amici.

Siamo ancora nei primi mesi della scuola e ho già in programma interventi in oltre 45 classi della mia città a cui si aggiungono la formazione alle insegnati e diversi momenti di gioco/riflessione con i genitori: vedrò oltre 800 bambini e non so quanti adulti rivestendo il ruolo del “Ludologo”, l’esperto di giochi. Non mi lamento, “è forse il mestiere più bello del mondo”, come mi ha detto deciso un giorno un bambino di seconda elementare, guardandomi con aria sognante fisso negli occhi.
Continua

Una nuova collaborazione: l’emozione della prima volta

Scrivo di gioco e di giochi da tavolo da anni, per riviste, siti web e anche per un quotidiano, La Gazzetta di Modena, forse una delle poche rubriche fisse su questo argomento in Italia. Sì, una delle poche, perché parlare di giochi da tavolo sembra non sia cosa importante, preziosa.

Ci sono articoli e rubriche di videogiochi e fanno di tanto in tanto comparsa sui giornali notizie su scacchi o giochi tradizionali. I pochi che possono parlare di giochi in rubriche fisse su media importanti lo devono fare prendendola molto larga, rievocando la solita litania del gioco dell’oca, della tradizione. Quasi ci si dovesse vergognare a raccontare i milioni di copie vendute da Coloni di Catan o la storia di talenti Italiani che producono giochi d’autore famosi in tutto il mondo o le ultime novità editoriali e tendenze del settore.
Continua

Le novità di Lucca Comics & Games

Ci sono momenti in cui la vita di un giocatore diventa frenetica, quasi irreale, nel tentativo (spesso vano) di stare al passo con i tempi, inseguendo le uscite, le ultime novità, le classifiche. Il mondo dei giochi è bellissimo e al tempo stesso spietato. Autori che come comete attraversano il firmamento ludico per poi spegnersi mentre altri per anni riscaldano i cuori dei giocatori con le loro prodezze. In mezzo a tutto questo un mercato che diventa ogni anno più internazionale e se ti distrai un attimo esce un gioco imperdibile su kickstarter o uno sconosciuto editore coreano pubblica il titolo che assolutamente dovresti avere.

Non ci sono più “le uscite di Essen” o “i giochi di Norimberga”: escono titoli tutto l’anno. Per PLAY, per GenCon, per Natale e anche per il compleanno di mio cugino.

Ho cercato di seguire e raggruppare quello che di nuovo potrete trovare a Lucca Comics & Games questo fine settimana per quel che riguarda il mondo del gioco da tavolo e anche, senza pretese di essere esaustivo, per il mondo del gioco di ruolo. Spero che questa mia piccola guida possa esservi utile per affrontare l’autunno in maniera più serena … buona lettura …
Continua

copertina_itinerari_2014_ruotata

Giochi e Scuola: per il terzo anno i percorsi di gioco del Ludologo

Inizia il nuovo anno scolastico e ancora una volta, per le insegnanti delle scuole di Modena (infanzia, primo e secondo grado) sarà possibile scegliere Giochi da Tavolo come strumento didattico tra le offerte presentate negli Itinerari Scuola Città di Memo, del Comune di Modena. Quest’anno il mio percorso didattico sarà in collaborazione con Civibox, che già da anni conduce nelle scuola della città il progetto su Internet Sicuro.

E’ un piacere vedere come, di anno in anno, sempre un maggior numero di insegnanti capisca le potenzialità che il gioco da tavolo può avere come strumento didattico. Per le scuole non del comune di modena è possibile comunque concordare interventi formativi contattandomi direttamente.

Di seguito alcune delle possibili proposte di intervento nelle classi.
Continua

Archimede_2008

Di inventori di giochi e di cultura ludica

C’è chi chi dice “nella vita prima o poi scriverò un libro”, chi invece pensa di aprire un ristorante o un bed & breakfast e chi invece ha, nel cassetto dei suoi sogni, ha un gioco. Da piccolo passavo gran parte del mio tempo a squadrettare fogli di carta (avevo anche imparato a fare gli esagoni con righello e matita!) e creare giochi: il gioco dei puffi, il gioco di goldrake, … Erano tutti, bene o male, dei “roll and move”, ovvero giochi la cui meccanica principale si riduceva a lanciare un dado, spostare la propria pedina su un percorso e, in base alla casella raggiunta, attivare qualche effetto! Ci giocavo da solo o con gli amici sognando un giorno di vedere la mia creazione in un negozio.
Negli anni ho incontrato e conosciuto migliaia di giochi da tavolo e alla fine ho smesso di squadrettare fogli e riposto le mie idee in un cassetto che ogni tanto, timidamente, apro, aggiungendo qualche appunto, qualche foglietto, qualche speranza. Al momento però il gusto di giocare con le opere della fantasia degli altri autori, grandi e piccoli, mi appaga a sufficienza.
Continua

8 settembre gioco

Il gioco come strumento didattico nella scuola secondaria: teoria e pratica

Come ormai consuetudine negli ultimi anni il Comune di Modena ed in particolare MeMO organizzano una giornata di aggiornamento per le insegnanti sul tema del gioco come strumento didattico, esaminato sotto diversi punti di vista.

La formazione si terrà presso il MeMO, in Viale J. Barozzi 172 (Modena), lunedì 8 Settembre a partire dalle 9:30

Quest’anno l’attenzione sarà rivolta principalmente alle scuole secondarie, di primo e secondo grado.

Mi sono impegnato in prima persona per pensare ed organizzare questa giornata di formazione, cercando di chiamare esperti che potessero approfondire aspetti diversi della didattica ludica: dalla didattica della storia (con il prof. Antonio Brusa) alla didattica della scienza fatta con giochi di ruolo dal vivo (Matteo Bisanti ed Andrea Castellani), dall’avvio alla programmazione utilizzando Scratch (Walter Martinelli e Maria Donzello) al gioco come veicolo di competenze nella scuola secondaria (Andrea Ligabue). Coordinerà la giornata Giulia Ricci dell’Istituto Storico di Modena

Con le nuove Indicazioni la didattica ludica, per la prima volta, è indicata come uno degli strumenti di apprendimento, uscendo così dal novero delle didattiche alternative. La giornata, rivolta agli insegnanti di scuola secondaria di 1° e 2° grado, si propone sia come momento di formazione che come luogo nel quale conoscere e sperimentare la didattica ludica attraverso momenti laboratoriali.

Continua

Meeple Choice Awards 2013: i vincitori sono

Finiata anche la fase finale che ha portato alla scelta dei tre vincitori del Meeple Choice Awards 2013. Come detto nel mio precedente articolo la selezione iniziale era comunque intereressante e molti i giochi in con corso meritevoli. Alcune mancanze, a mio pareree dovute sopratutto alla scarsa diffusione di alcuni titoli/editori in certi mercati, ma nel complesso un buon pool tra cui scegliere. Anche io, essendo membro da anni del gruppo Spielfrieks ho votato e devo dire che due dei tre eletti erano tra le mie preferenze e il terzo è comunque arrivato nei primi 5. 

Ovvio che, come sempre, occore contestualizzare il risultato. Sicuramente il Meeple Choice Awards è un ricnoscimento che va a premiare giochi per giocatori appassionati: difficilmente troviamo tra i vincitori entry level o titoli leggeri.

Prima di vedewre i vincitori dsi quest’anno uno sguardo ai risultati degli anni passati, per farvi capire la tipologia del premio. 

2012 Terra Mystica Tzolk’in: The Mayan Calendar Keyflower
2011 Castles of Burgundy Ora et Labora A Few Acres of Snow
2010 7 Wonders Innovation London
2009 Endeavor Hansa Teutonica Small World
2008 Dominion Pandemic Le Havre
2007 Race for the Galaxy Agricola Brass
2006 Blue Moon City Thurn and Taxis Yspahan
2005 Caylus Louis XIV Shadows over Camelot
2004 Ticket to Ride Power Grid Goa
2003 Santiago Attika Amun-Re
2002 Puerto Rico Age of Steam Lord of the Rings: The Confrontation
2001 San Marco Wyatt Earp Royal Turf
2000 Carcassonne Citadels The Princes of Florence

Ed ecco ora i vincitori dell’edizione 2013

Continua

I 10 migliori giochi da tavolo per famiglie

Mi capita spesso che amici, conoscenti, insegnanti con cui collaboro, genitori degli amici dei miei figli mi facciamo domande del tipo “quali sono i 10 migliori giochi da tavolo, secondo te ?”. Mi rendo conto che molto spesso ho una atteggiamento evasivo e mi trovo a non saper rispondere con prontezza: comincio a fare dei distinguo e dire cose del tipo “dipende da cosa cercate” o “dipende da quanti siete” o anche “cercate qualcosa di impegnativo o di leggero ?”, non rendendomi conto che spesso sono domande a cui il mio interlocutore, senz’altro più digiuno di me di giochi, difficilmente riesce a dare una riposta. Girando per la rete o sfogliando giornali e riviste, leggo e vedo articoli scritti da giornalisti esperti, non certo di giochi, che snocciolano con sicurezza liste al 99% delle volte fatte dai soliti grandi classici del passato quali Monopoly, Risiko, Scarabeo, Cluedo e Trivial Pursuit, se non addirittura Il Gioco dell’Oca. Facile, mi dico, fare una selezione di 10 titoli quando ne conosci 20-30 al massimo tra cui scegliere. Ma io a casa possiedo quasi 2000 giochi da tavolo e ne ho giocati molti di più … come faccio a sceglierne solo 10 ?

Ho deciso allora di fare anche io la mia lista, contestualizzandola, ovvero rispondendo ad una domanda: “Quali sono, secondo te, i 10 migliori giochi da tavolo per famiglie ?”. Non voglio dire i 10 grandi classici o i giochi che hanno fatto la storia. Ma i migliori, ovvero i più divertenti/adatti/simpatici. Come in una partita ad Indovina Chi, ho già definito due criteri importanti che mi permettono di fare una bella selezione: giochi da tavolo e per famiglie.
Continua

Spiel-des-Jahres-Logo

Ecco le nomination per o Spiel des Jahres

Oggi sono state annunciate le nomination per lo Spiel des Jahres, il gioco dell’anno tedesco. E’ a tutti gli effetti il premio più importante per il settore del mondo del gioco da tavolo e ha una valenza che va ben oltre i confini della Germania.

Di anno in anno il lavoro della giuria dello Spiel des Jahres diventa più difficile. I titoli pubblicati sono sempre di più e non solo provenienti dal bacino storico delle case editrici tedesche ma anche da tante altre realtà che ormai sono affermate e che producono giochi che escono già come prodotti internazionali con distributore/editore tedesco associato.

Rimane poi la difficoltà legata alla distinzione dei titoli che concorrono per il “Pedone Rosso” (Premio gioco dell’anno) e quelli per il “Pedone Nero” (Premio gioco dell’anno per esperti) che è tutt’altro che semplice.

Andiamo quindi a vedere quali sono state le decisioni della giuria quest’anno
Continua

tt_usa_img1

Ticket to Ride è un buon gioco per le scuole ?

Quest’anno nel mio lavoro con le classi terze (8-9 anni) e per il progetto con l’International School di Modena (bambini dagli 8 anni in su) ho deciso di utilizzare Ticket to Ride. Non c’è ombra di dubbio che il grande successo di Alan R. Moon, che festeggia quest’anno il suo decimo compleanno, vincitore tra l’altro dello Spiel des Jahres e dell’International Gamers Awards sia un ottimo gioco di strategia (non a caso è nella top 100 di BGG e al settimo posto nella categoria dei migliori giochi per famiglie) ma è davvero adatto per una attività didattica nelle scuole ?

In questo articolo cercherò di spiegare il motivo della mia scelta sperando di dare utili informazioni a chi, come me, ha deciso di utilizzare l’enorme potenzialità dei giochi da tavolo nello sviluppo delle competenze dei bambini.
Continua

Chiamiamola Azzardopatia

Ciao a tutti

in questi giorni si parla (purtroppo) spesso di Ludopatia, un termine che io (ed altri) amanti del mondo del gioco troviamo davvero fastidioso ed inappropriato. Un modo superficiale di descrivere un problema che è ben circoscritto e che potrebbe essere meglio connotato con il termine Azzarodpatia. Di seguito una lettera aperta firmata da tanti esperti, autori di giochi, editori, appassionati … se condividete questo pensiero fatela circolare.
Continua

euphoriabox

Euphoria su Spring 2014 di Gamers Alliance Report

La mia recensione di Euphoria è stata da poco pubblicaot su Gamers Alliance Report, probabilmente il magazine di giochi da tavolo più conosciuto e letto negli stati uniti.

Are more than 4500 backers and more than $300,000 pledged enough to say that Euphoria: Build a Better Dystopia, designed by Jamey Stegmaier and Alan Stone, a good game? I got Jamey Stegmaier’s Viticulture and I was well impressed by its core mechanics but not satisfied about balancing so I was a little worried about Euphoria. The rules seemed good and solid but, of course, you can’t really judge a meal by the recipe, you need to test it. So, after several session, can I say Euphoria is “well cooked”? In this review, I’ll try to point out the strong points and weaknesses of this game.
Continua

Kraken-Alarm-Kosmos

Laboratorio pomeridiano giochi scuola primaria

Ciao a tutti

questa settimana ho concluso per il settimo anno consecutivo i laboratori pomeridiani di giochi nella scuola primaria dei miei figli dove vado non come “esperto” di giochi ma come papà, supportato da altri genitori che come me prestano volontariato in attività varie ad integrazione di quello che è il Piano di Offerta Formativa (POF) della scuola. Un’iniziativa impegnativa ma secondo me molto bella, sia per i bimbi che per i genitori. Esperienza, purtroppo, non sempre gradita dalle scuole che spesso si trovano vincolate da leggi e norme (sopratutto quelle sulla sicurezza) che non rendono facile la concessione dei locali per queste iniziative, seppur previste dal POF.

Fortunatamente gli ostacoli burocratici negli anni non sono stati insormontabili (essenzialmente a parte qualche modulo e il doversi adeguare a giorni ed orari imposti dalla direzione) e nel complesso c’è stato un sostegno/entusiasmo sufficiente da parte dei professori e della direzione didattica da permettermi di arrivare al settima edizione.

Cerco qua di descrivere l’esperienza ad uso e consumo di altri che vogliano provare a cosa analoga nelle loro scuole …
Continua

PaoloMori

L’Arte dell’inventare giochi: interviste agli autori di giochi – #25 Paolo Mori

Ed ecco qua la 25 intervista per la serie L’Arte dell’Inventare giochi.

Stavolta sono andato a pescare l’amico ed autore Paolo Mori, in Italia famoso senz’altro per Agustus, vincitore della prima edizione de Il Gioco dell’Anno di Lucca Comics & Games e nominato anche per lo Spiel des Jahres 2013.

All’estero forse più famoso per Vasco da Gama (finalista nell’IGA e secondo al DSP) e per Libertalia.

L’intervista in inglese è pubblicata su Opinionatedgamers.com

Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena 11-04-2014

Mentre si spengono ancora gli echi delle giocose grida di migliai di visitatori che hanno riempito i padiglioni di Modenafiere in occasione della sesta edizione di PLAY: Festival del Gioco, mi tornano alla mente le parole del grande Huizinga, “Le grandi attività originali della società umana sono tutte intessute di gioco”, e sono contento, da cittadino modenese, di aver visto ancora una volta la mia città diventare Capitale del Gioco.
Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena 04-04-2014

MODENA Domani e domenica torna a ModenaFiere “Play: Festival del Gioco”. Per la sesta volta la nostra città diventa la Capitale del Gioco nell’evento ludico più importante e divertente del panorama italiano. Al quartiere fieristico arriveranno editori, autori di giochi e oltre 70 associazioni provenienti da tutta Italia. È davvero difficile raccontare “Il Festival del Gioco” a chi non l’hai mai visto. Pensate ad un enorme parco dei divertimenti, di oltre 18.000 metri quadri, diviso in aree tematiche con centinaia di attrazioni diverse. Ed una volta pagato il biglietto di ingresso si gioca gratis! Oltre 280 eventi di gioco, più di 50 tornei; un programma in grado di divertire tanto il giocatore esperto ed appassionato quanto il curioso che vuole avvicinarsi per la prima volta al mondo del gioco.
Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena 28-03-2014

MODENA Parafrasando un detto ormai diventato famoso si potrebbe dire “Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare”. Da domani infatti inizia il giocoso cammino che porterà Modena a diventare ancora una volta la capitale del gioco in occasione di “PLAY: Festival del Gioco”. E si parla del gioco nella sua migliore accezione: divertimento, socialità, allegria, intelligenza e cultura. E non è certo un caso che proprio in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune il Club TreEmme abbia deciso quest’anno di organizzare “PLAY And The City”, una serie di eventi che tra domani e venerdì prossimo consacreranno lo sbarco del gioco in città
Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena 21-03-2014

Domenica torna l’appuntamento mensile con TreEmme Sundays, il pomeriggio di gioco presso la sede del Club TreEmme dedicato a tutte le famiglie con bambini in età 6-14 anni. Per l’occasione si potrà venire a giocare presso la sede di via Paltrinieri 80 a partire dalle 14.30 ed imparare nuovi giochi con la guida di giocatori esperti. Per gli adulti l’appuntamento con il gioco è invece al venerdì sera, dalle 21. Per informazioni e dettagli sulle attività del Club TreEmme info@treemme.org o www.facebook.com/clubtreemme. Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena 14-03-2014

Oggi alle 18 inaugura la nuova mostra al Museo della Figurina di Modena con una intera sezione dedicata ai giochi di carte, collezionabili e non. Dagli ormai “classici” Magic e Yu-gi-oh fino ai moderni Living Card Games come Il Trono di Spade o Guerre Stellari o il sorprendente Krosmaster Arena, che mescola gioco da tavolo, card e giochi di miniature. Ormai è online il programma completo degli eventi di PLAY and The City, la serie di appuntamenti ludici in città che dal 29 marzo accompagneranno in un giocoso crescendo gli abitanti di Modena verso PLAY: Festival del Gioco
Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena 28-02-2014

Nel suo libro l’Arte del gioco scrive Emiliano Sciarra, autore di Bang! (uno dei giochi di carte più di successo degli ultimi anni), “Finché si scherza, d’accordo. Ma quando si gioca si fa sul serio”. Si giocherà davvero sul serio sabato 5 e domenica 6 aprile, durante Play: Festival del Gioco, l’evento di gioco più importante d’Italia che vedrà Modena diventare vera capitale del gioco. Quest’anno ci sarà una ricca anteprima già a partire da sabato 29 marzo e venerdì 4 aprile negli eventi di gioco di Play and The city che vedranno coinvolti musei, teatri e altri luoghi della città: i dettagli su www.play-modena,it/play-and-the-city.
Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena 21-02-2014

In una società che sta rovinando la parola gioco rendendola sinonimo di azzardo e dipendenza vanno ricordate le parole di J. Huizinga che nel suo Homo Ludens scriveva «le grandi attività originali della società umana sono tutte intessute di gioco». Presso la sede del Club TreEmme, in via Paltrinieri 80, week end di giochi da stasera alle 21 e proseguendo domani e domenica dalle 15. La prossima settimana un grande torneo di Warhammer Fantasy. Per informazioni e dettagli info@treemme.org o www.facebook.com/treemme
Continua

play1

PLAY: Festival del Gioco in rapido avvicinamento

Ciao a tutti

come tutti gli anni in questa stagione la mia attività di recensore ed esperto ludico subisce un rallentamento dovuto al crescente impegno per l’organizzazione di PLAY: Festival del Gioco, di cui da anni sono il Direttore Artistico. Un evento che negli anni è cresciuto dai circa 7000 visitatori dell’edizione 2008 agli oltre 25000 dell’edizione 2013 riuscendo a voinvolgere oltre 70 realtà del territorio nazionale tra associazioni, Università, Istituzioni. Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena 10-01-2014

Week end davvero denso di appuntamenti interessanti. Domani e domenica, presso la Sala Cervi del castello di Carpi, in piazza Martiri, torna GiocaCarpi, uno degli eventi di gioco che negli anni ha caratterizzato la nostra provincia, organizzato dal Club TreEmme Carpi. Tornei di Magic, Battletech e Warhammer 40K; giochi da tavolo e la possibilità di giocare con i simulatori di volo della VIAF. Tutti i dettagli su www.giocacarpi.com Due giorni di tornei anche presso la sede del Club TreEmme di Modena con il Royal Rumble 2014, il primo torneo della stagione valido per il campionato italiano di BloodBowl.
Continua

Count2Ten

Count2Ten: un app quasi per gioco

Count2Ten è un app molto semplice, di Spartaco Albertarelli, che mette alla prova la capacità di valutare con esattezza lo scorrere del tempo. Ogni giocatore appoggia il dito in una zona ben precisa dello schermo e al via inizia un conto alla rovescia. Quando uno pensa siano trascorsi esattamente 10 secondi solleva il suo dito. Il giocatore che più si è avvicinato vince la manche.
Continua

Ludologo Notiziario

La Gazzetta di Modena 27-12-2013

Festività all’insegna del gioco presso la sede del Club TreEmme dove facilmente si potrà giocare non soltanto alla sera, come consuetudine dopo le 21, ma anche nei pomeriggi di festa. Per informazioni e dettagli info@treemme.org o www.facebook.com/clubtreemme o direttamente presso la sede di via Paltrinieri 80. Grande festa anche al castello di Gusciola. Si inizia domenica con Fiaba al Castello, un gioco magico tra musica ed enigmi accompagnato dalle note di Lloreena Mckennett.
Continua

fattore famiglia

Per un Natale pieno di giochi …

Il Natale ormai si avvicina ed è uno dei pochi momenti dell’anno in cui tutte le famiglie si ritrovano attorno ad un tavolo. Quale occasione migliore per giocare con i propri figli e famigliari. La tombola natalizia fa parte della tradizione Italiana ma, come ben sapete, non sono un amante dei giochi (o meglio, dei “non giochi”) in cui conta solo la fortuna. Si può stare assieme, divertirsi, ridere e passare un pomeriggio o una serata serena senza dover per forza giocare a tombola, un gioco che personalmente non credo trasmetta valori molto diversi rispetto alle “macchinette” o ai “giochi d’azzardo” contro cui tutti ci scagliamo. Ci sono tanti giochi che si possono fare, a mio parere più divertenti e che magari possono insegnare ai nostri figli qualcosa.
Continua

Novità di Essen che troverete a Lucca

Ciao a tutti, sono appena tornato da un intenso fine settimana di giochi alla Fiera del Gioco di Essen. Per i più anglofoni un report quasi giornaliero delle mie avventure ludiche assieme a Caterina su Opinionatedgamers.com.

Ciao a tutti, sono appena tornato da un intenso fine settimana di giochi alla Fiera del Gioco di Essen. Per i più anglofoni un report quasi giornaliero delle mie avventure ludiche assieme a Caterina su Opinionatedgamers.com.

Qua di seguito alcune brevi note su quello che ho visto/provato e che potrete trovare a Lucca Comics & Games nei prossimi giorni …
Continua

Augustus

Augustus vince il premio Gioco dell’Anno

Ieri la giuria del premio gioco dell’anno ha emesso il suo verdetto. Tra i cinque finalisti è stato scelto Augustus, di Paolo Mori, edito in Italia da Oliphante.

Un gioco sulle cui potenzialità nessuno aveva dei dubbi, vista anche la nomination per lo Spiel des Jahres.

Questa la motivazione della scelta della giuria
Continua

Sheepland

App Sheepland: prime impressioni

Ecco le mie impressioni sulla nuova App di Sheepland, che ho avuto il piacere di provare (e riprovare, e riprovare, e riprovare …) in questi giorni.
Rimando alla mia recensione (in inglese) o a quella di Rotilio su La Tana dei Goblin (in Italiano) per chi per caso non conoscesse ancora questo gioco che secondo me, meritatamente, ha vinto l’anno scorso il premio come miglior gioco per famiglie e che trovo intelligente, divertente e molto strategico.

Cosa ci si aspetta da una trasposizione digitale di un gioco da tavolo ? Che offra le stesse sensazioni del gioco da tavolo sgravando i giocatori di tutte quelle operazioni di manutenzione che a volte rallentano il flusso del gioco.

Inoltre si auspica un buon livello di AI, per rendere divertenti le partite in solitario, e un sistema semplice per giocare online e/o in più persone sullo stesso dispositivo.

Vediamo se, secondo me, l’app di Sheepland ha centrato l’obbiettivo …
Continua

(English) BoardGames @ School: a first case study [BoardGameAgent]

(English) Some weeks ago Russell Haliday told me he was starting a web site,  ”The Board Game Agent”, where collect experience all around the world about using board games to help derive social or academic benefits. He decided to contribute to his site writing my experience in schools with 7-8 years old kids.

Can normal board games be successfully used in schools? Can board games be a vehicle to improve competencies and skills that standard teaching methods aren’t able to stimulate? Continua