Jamaica [Genitori Magazine]

Fino ad un massimo di 6 pirati si sfidano con i loro vascelli in una gara intorno all’isola. Durante il percorso i giocatori dovranno accumulare cibo e monete che serviranno loro per entrare in certe caselle; potranno caricare nelle stive palle di cannone, per affrontare gli avversari e tesori.

Ogni giocatore ha un mazzo di 11 carte di cui ogni turno ne ha in mano solo 3.

Il giocatore di turno lancia due dadi e deve decidere come posizionarli: un dado per l’azione di giorno e l’altro per l’azione di notte. Deve poi scegliere una delle tre carte in mano ed eseguie le azioni corrispondenti. Ogni carte presenta due azioni, una per il giorno e una per la notte, che, in qualche caso, possono essere anche coincidenti. Le possibili azioni sono avanzare, retrocedere, caricare cibo, caricare soldi, caricare palle di cannone. Se ad esempio con i dadi ho ottenuto 6 e 3 e ho posizionato il 3 per il giorno e il 6 per la notte, se gioco una carte Cibo – Movimento caricherò 3 unità di cibo e poi muoverò di 6 spazi mentre se gioco una carta Movimento – Soldi muoverò di 3 spazi e poi caricherò 6 monete d’oro.

Le caselle lungo il percorso hanno dei costi in cibo e soldi: è obbligatorio pagare il costo richiesto per la casella in cui si termina il movimento se no si deve arretrare di uno spazio finchè non si termina il movimento in una casella di cui si possono soddisfare le richieste.
Terminare su una casella occupata da un altro vescello genera un combattimento: entrambi i giocatori lanciano uno speciale dado al cui risultato aggiungono il numero di palle di cannone utilizzate. Vincere permette di rubare il contenuto di una stiva all’avversario.

Tutti i giocatori devono eseguire la loro mossa utilizzando la stessa combinazione di dadi dopo di che il turno passa al giocatore successivo che come prima cosa lancia i due dadi.

Nel proprio turno quindi si può anche scegliere come disporre i dadi mentre nei turni degli avversari si dovrà solo scegliere la carta da utilizzare.

Il gioco è semplice ma tutt’altro che banale: occorre valutare bene la casella in cui si arriva e trovare il momento opportuno per avanzare e quello per caricare cibo e soldi.

Il gioco termina quando il primo giocatore raggiunge di nuovo la linea di partenza (completa un giro attorno all’isola). Ogni capitano tatalizza tanti punti quante sono le monete imbarcate nella sua nave più un bonus (significativo) in base alla posizione raggiunta.
Lungo la mappa ci sono poi alcune caselle speciali, i covi dei pirati, dove possono essere raccolti preziosi tesori.

Anche in questo caso è un gioco di piccole scelte ma importanti: per vincere occorre un pizzico di fortuna ma soprattutto saper decidere il momento giusto per giocare le proprie carte.
Gioco divertente per 2-6 giocatori a partire dagli 8 anni. Una partita dura di solito 45 minuti

AutoreMalcolm Braff, Bruno Cathala, Sébastien Pauchon
IllustratoreMathieu Leyssenne
EditoreGameWorks SàRL, Asmodee, Asterion Press, Rebel
Anno di pubblicazione2007
Numero di giocatori2 - 6
Durata60
A partire da8 and up
Dipendenza dalla LinguaNo necessary in-game text
(50 voters)

Infos courtesy of boardgamegeek.com. More Infos.

Recensione pubblicata originariamente nella rubrica “Papà a che gioco giochiamo ?” su Genitori Magazine