I giochi da tavolo a Scienze della Formazione Primaria – incontri 1 e 2

Per la prima volta quest’anno sto conducendo un laboratorio all’interno del corso di Metodologie di Gruppo e Tecniche Didattiche a Scienze della Formazione Primaria dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Dopo anni che conduco attività formative per gli insegnanti sul tema del gioco e delle competenze e su come utilizzare il gioco da tavolo in contesti didattici, ho l’opportunità di ragionare su questi temi e di far fare esperienza ai laureandi/e, futuri maestri/e.

E’ anche per me un’occasione importante per confrontarmi con docenti e studenti sulle potenzialità del gioco da tavolo in ambito scolastico ed educativo e un’opportunità per mettere a punto e raffinare schede di lavoro ed operative per insegnanti sui singoli giochi da tavolo.

Il laboratorio è diviso in quattro incontri da 4 ore ciascuno e ai ragazzi saranno anche assegnati compiti ed attività da fare autonomamente a casa, di riflessione ed approfondimento sui giochi visti. La funzione di questo laboratorio è anche quello di far conoscere e provare agli studenti/studentesse un gran numero di giochi, con meccaniche, obbiettivi, difficoltà e durata differente per dare loro un orizzonte vasto su quello che il mondo da tavolo può offrire.

Nel primo incontro abbiamo affrontato il grosso della parte teorica, andando a vedere i principali campi di azione dell’attività di gioco (etico, relazionale e cognitivo) e una panoramica sulla storia del gioco e sulle diverse tipologie. Abbiamo poi visto (e giocato) numerosi giochi per bambini (età 4-7 anni) e party-games di breve durata. Tra i titoli proposti e giocati: Dobble, Fantascatti, Bicchieri Sprint, Il mio Safari, Jungle Speed Safari, Sushi’s Dice, Halli Galli, Abraca … Boh, Zicke Zacke Spenna il Pollo, Viva Topo, Il Labirinto Magico, Jungle Speed Safari, Dr. Eureka, NasconDino.

Agli studenti è stato chiesto di sviluppare una scheda di analisi, evidenziato pregi/difetti (in ambito educativo) e competenze stimolate, di due giochi tra quelli provati.

Nel secondo incontro abbiamo esaminato la struttura di una lezione basata sul gioco da tavolo (pre-gioco, gioco e post-gioco) e abbiamo giocato Carcassonne e Jamaica, soffermandosi ad esaminare come impostare una scheda di valutazione sulla attività di gioco incentrata su regole, strategie ed esperienza di gioco. Per ogni gioco sono stati forniti anche degli spunti di riflessione ed osservazione per insegnati/educatori di cui tenere conto durante l’attività.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>