I grandi di Italia

Il tema della puntata di questa domenica de Il Riposo del Guerriero era I Grandi di Italia.

Stefano Gallarini, il conduttore della trasmissione, mi ha come ormai abitudine telefonato per qualche consiglio nella rubrica Giochi e Videogiochi.

[Podcast di Giochi e Videogiochi del 02 06 2013]

Se non consideriamo i personaggi dell’antica Roma, come Giulio Cesare e i vari imperatori che gli sono succeduti, il personaggio che senz’altro ha stimolato di più la fantasia degli autori di giochi è Leonardo da Vinci ed in generale la Firenze rinascimentale. Anche senza contare giochi come Medici o Medici vs Strozzi, giochi piuttosto astratti che dall’Italia rinascimentale prendono solo ispirazione per il nome, abbiamo Il Principe, uno dei capolavori di Emanuele Ornella e Macchiavelli, una versione più raffinata ed avanzata del classico Diplomacy.

Più recente e molto più calato nel tema Florenza, della Placentia Games.

Dell’ultimo anno l’edizione italiana, a cura di Uplay.it, de Il Vecchio, che ha come protagonista la Firenze di Cosimo de Medici.

Tornando invece a Leonardo da Vinci due giochi che non possono non essere ricordati: Leonardo da Vinci, dell’editore dV Giochi, in cui i giocatori sono a capo di una vera e propria bottega artigiana impegnata alle prese con i progetti e le invenzioni di Leonardo e Magnifico, una bella rivisitazione delle meccaniche del Risiko in cui i giocatori possono migliorare le abilità dei propri eserciti grazie alle invenzioni di Leonardo. Di Magnifico esiste anche una versione per tablet di prossima pubblicazione.

Concludendo possiamo dire che il fascino esercitato dai personaggi famosi Italiani è forte anche nel mondo del gioco e si va ad aggiungere alla fama dei tanti autori di giochi Italiani che inventano giochi che diventano famosi anche all’estero.

Florenza - Placentia Games

Il Vecchio - Uplay.it

Leonardo da Vinci - dV Giochi

Magnifico

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>