Pensieri Ludici: Buon Natale e …

Buon Natale a tutti. In queste geiornate di vacanze e giochi mi è capitato spesso di parlare con amici e conoscenti di giochi e di passioni e più volte mi sono imbattutto nella frase “A me non piacciono i giochi di società“. Posizione rispettabile che, ovviamente, non condivido.

Poi però ci ho pensato su e mi sono detto: non capita quasi mai di sentire uno che dice “non mi piacciono i film” o “non piace la musica” o “non mi piace leggere” solo perchè ha visto/ascoltato/letto 2-3 libri che non gli sono piaciuti. Magari uno dice “non piacciono i film di fantascienza” o “non mi piace il Jazz”. Però tanta gente se ne esce con un generico e lapidario “non mi piaccino i giochi di società” dopo averne giocati magari solo 2-3 giochi, spesso dello stesso tipo/genere, quasi sempre di qualità mediocre/bassa. Che sia anche questo un problema di cultura ludica ? Che la conoscenza dei giochi da tavolo è talmente ristretta che viene quasi naturale compiera una sineddoche, ovvero identificare una parte per il tutto. A me non piace monopoli, cluedo mi annoia, ho giocato solo 2 volte a pictionary e mi sono rotto le scatole, trivial pursuit meno lo vedo meglio sto e l’ultima partita di risiko l’ho giocatoa più di 20 anni fa eppure adoro i giochi da tavolo!

Mancanza di cultura ludica o davvero il gioco da tavolo, rispetto ad altri passatempi, è così coinvolgente ed invasivo che alla fine piace o non piace, senza distinzioni di genere ?

Buon gioco e buon natale a tutti … e se vi va, ditemi cosa ne pensate
Il Ludologo

2 Responses to Pensieri Ludici: Buon Natale e …

  1. GEB says:

    Caro il mio Ludologo, hai perfettamente ragione.
    Il gioco da tavolo ha mille sfaccettature, tipologie e formati. Lo sappiamo bene. Ma ahimè è un prodotto ‘di nicchia’ per il grande pubblico. Nel panorama dei “giochi” così come vengono percepiti dai ‘molti’, quel che viene tirato fuori da una scatola e sparso sul tavolo e quasi costringe a pensare un pò a quel che si deve fare, viene categorizzato come un’unica entità che è un qualcosa di complicato, difficile, quasi da scienziati.. :)
    E’ la cultura ludica che manca, o meglio che viene proposta alla massa di potenziali giocatori in maniera ‘scollacciata’, mettendo sugli scaffali della grande distribuzione i soliti titolo vecchi come me o l’ultima novità del momento legata a ‘questo o quel’ format televisivo.
    Ma del resto … chi potrebbe fare “cultura ludica” ? o meglio, senza scomodare paroloni, chi potrebbe indirizzare il fruitore medio di giochi verso qualcosa di nuovo, interessante, che dia soddisfazione che sia insieme ‘motivazione’ a percorrere una direzione di approfondimento di quel che può essere il divertirsi coi giochi da tavolo ?
    Sta a noi giocatori, secondo me, far si che il prodotto ‘gioco’ esca dai soliti schemi.
    Sta a chi, come te, gestisce blog, siti web o pagine facebook dare una informazione che dia un “indirizzo nuovo” a chi magari non sa nemmeno di starlo a cercare mentre fruga tra gli scaffali del supermercato …
    Ed alle mille associazioni e gruppi ludici di questo paese, alle quali va un GRAZIE da parte di un appassionato giocatore che vede in queste iniziative un progresso culturale importante.

    Un saluto – GEB

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>