Pensieri Ludici: Floid

Oggi è quel particolare giorno in cui ogni mese mi concedo il piccolo lusso di andare dal barbiere a farmi sistemare barba e pizzetto. Un lusso, per fortuna, di poco costo ma di grande soddisfazione. Questo rito si conclude sempre con una passata di dopobarba Floid, il classico dopobarba che da decenni troneggia sulle mensole di ogni barbiere: classico ed insuperabile al tempo stesso.

Mi sono allora soffermato a riflettere, ancora una volta, su quali giochi “classici” sono davvero validi e attuali e quali invece continuano ad avere un mercato solo grazie alla mancanza di una cultura ludicia diffusa nella nostra società.

Come la penso su questo argomento è ben evidenziato nel mio Manifesto Ludico, ma devo ammettere che nel frenetico susseguirsi delle nuove uscite ci sono in effetti alcuni giochi che ormai sono dei veri classici e che rigioco sempre volentieri. Quale è il tempo di vita di un gioco da tavolo moderno sul tavolo di un appassionato ? E per quanti anni invece una famiglia di giocatori occasionali può divertirsi con lo stesso gioco prima di andare a cercare qualcos’altro ? Son convinto che tanto per un appassionato quanto per un pubblico più occasionale un buon gioco sia per sempre, ovvero credo che un bel gioco possa essere giocato tranquillamente 5-10 volte l’anno senza mai venirne a noia.

Se guardo la mia ludoteca, nello scafale in sala (quello in bella vista dove tengo i giochi più giocati), trovo certamente delle novità come Village, Libertalia, Ora et Labora ma anche alcuni giochi che sono diventati per me dei veri classici. Alcuni sono dei veri best-sellers, altri meno noti. Ecco una parziale lista di giochi che da anni gioco con regolarità e che sono convinto continuerò a giocare negli anni a venire: Blue Moon City, Tribunus, Yspahan, Coloni di Catan, Zooloretto, Nefertiti, Cleopatra e la società degli Architetti, Master Gallery, Dobble, 7 Wonders, Sun Sea & Sands, Kingsburg …

Buon gioco a tutti
Liga

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>