L’arte dell’inventare giochi: Donald X. Vaccarino

Donald X. Vaccarino, per chi non lo conoscesse, è l’autore di Dominion, gioco da tavolo che nel 2008 ha davvero spopolato aggiudicandosi tantissimi riconoscimenti internazionali tra cui spiccano, nel 2009, lo Spiel des Jahres (SDJ) e ll Deutscher Spiele Preis (DSP), e i due maggiori riconoscimenti nazionali, il Best of Show (BoS) e la nomination trai i 10 titoli de La Ludoteca Ideale.

Dominion è il gioco che ha avuto il pregio di portare nel mondo del gioco da tavolo un meccanismo già noto da anni nel mondo dei giochi di carte collezionabili, ovvero quello del deck-building (costruzione del mazzo). Ogni giocatore inizia la partita con un mazzo di carte che man mano cresce: ogni turno i giocatori pescano carte dal loro mazzo e possono fare azioni in base alle carte pescate. Di fatto la costituzione del mazzo (quante carte e di che tipo) determina le possibili azioni che un giocatore può fare ne proprio turno di gioco. La strategia sta tanto nell’utilizzare bene le carte che uno ha in mano quanto nel costruire, durante la partita, il proprio mazzo.

Sull’onda del successo di Dominion sono nati tantissimi altri giochi da tavolo basati su questa semplice ma interessante meccanica di gioco. Per questo ho ritenuto interessante andare ad intervistare Donald X. Vaccarino, pur essendo, a tutti gli effetti, un autore piuttosto giovane e senza tanti titoli nel suo carnè

L’intervista, come sempre, è in inglese e pubblicata sul sito Opinionatedgamers.com

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>